Il Faro Voltiano, luci e colori di Brunate.

faro-voltiano-brunate-como-mipiaceviaggiare

Allontanarsi dalla metropoli e dal caos cittadino fa sempre bene, soprattutto quando è possibile reintegrare l’anima con una vista spettacolare. Se volete organizzare un’escursione o semplicemente fare una passeggiata per respirare un po’ di aria pura, il Faro Voltiano è uno dei posti che vi consigliamo.

Siamo in Lombardia, in provincia di Como, a Brunate, in località San Maurizio. L’altura in questione è il Monte Tre Croci. Tra un tornante e l’altro della montagna si intravede questa torre, eretta nel 1927 in occasione del centenario della morte di Alessandro Volta (Como 1745 – Como 1827) – fisico italiano e inventore della pila – e per celebrare l’avvento dell’illuminazione e la recente diffusione della corrente elettrica anche nella città di Como.

Raggiungere il Faro Voltiano è semplice!

Potete arrivare in automobile fino al piazzale sottostante, oppure utilizzare la funicolare che collega Como a Brunate e godere così di un panorama incredibile. La funivia è attiva da oltre 100 anni (inizialmente funzionante a vapore e poi rimodernata con la trazione elettrica), e percorre un tratto di più di 1000 metri con una pendenza di oltre il 50%.  Vi attende un breve percorso a piedi fino al Faro Voltiano, ma ne vale la pena senza alcun dubbio!

Dal piazzale sottostante parte una scalinata che in questo periodo è poeticamente ricoperta di foglie arancioni cadute dagli alberi circostanti: non percorretela di corsa, ma godetevi ogni singolo gradino, il silenzio circostante e i colori. In cima alla scala, sotto il faro, tutto acquisterà una luce e una bellezza straordinarie. Affacciatevi un attimo, prima ancora di salire in cima alla torre, per riprendere fiato e per avere un assaggio di quello che vi aspetta accanto alla lanterna.

Qualche dato tecnico sul Faro: base ottagonale, 29 metri di altezza, 143 faro-voltiano-brunate-mipiaceviaggiaregradini interni, 2 balconate per godere della vista (e solo 2 euro per accedere).

Altro? Una vista mozzafiato, con le Alpi e il Monte Rosa (già imbiancati se andate in questo periodo) all’orizzonte, il lago sotto di voi, Como e gli altri paesi dell’area ben visibili da quest’altezza. Pensate che questo strapiombo fu scelto appositamente dall’ing. Gabriele Giussani, progettista dell’edificio, che voleva che la luce del faro fosse visibile anche dalla pianura padana e dalla Brianza.

Lo spettacolo notturno…

E infatti il Faro Voltiano è parimenti suggestivo anche dopo il tramonto: fino a 50 km di distanza risulta, infatti, visibile, con la sua luce tricolore, verde, bianca e rossa, irradiata sin dall’inaugurazione dell’edificio. Uno spettacolo imperdibile!

Uno dei visitatori più celebri del Faro Voltiano fu Einstein, nel settembre 1933. Il suo commento e omaggio a Volta? “La pila è la base fondamentale di tutte le invenzioni”.

Che voi siate esperti scalatori, turisti di passaggio o abbiate organizzato un weekend in zona, il Faro Voltiano deve essere una delle vostre tappe, per la sua storia, per il tragitto che lo precede, per il paesaggio circostante, le sue luci notturne, la pace che vi invaderà…

Di seguito una selezione di Hotel per soggiornare e visitare il Faro VoltianoClicca Qui

condividimi